Gita Santuario di Gesù Bambino di Praga ad Arenzano e Abbazia di San Girolamo (la Cervara)

| 0
Quando:
6 aprile 2019 giorno intero
2019-04-06T00:00:00+02:00
2019-04-07T00:00:00+02:00

Santuario di Gesù Bambino di Praga ad Arenzano

Abbazia di San Girolamo (la Cervara)

Sabato 6 Aprile

 

Santuario di Gesù Bambino di Praga ad Arenzano

gesubambinopraga

La celebre statua di Gesù Bambino di Praga, è stata donata ai Carmelitani di Praga nel 1628 dalla principessa Polissena Lobkowitz. Essa raffigura Gesù Bambino in abiti regali e con le insegne da sovrano, nell’atto di benedire. La statua, tuttora conservata e venerata a Praga, viene dalla Spagna ed è molto simile a quelle appartenute a S. Teresa e S. Giovanni della Croce. Davanti a questa immagine un numero sempre crescente di persone ha elevato le sue preghiere ricevendo conforto, grazie e miracoli, ed essa si è rapidamente diffusa in tutto il mondo. Grande apostolo di questa devozione è stato padre Cirillo della Madre di Dio, a cui Gesù Bambino promise nel 1637: “Quanto più voi mi onorerete, tanto più io vi favorirò”.
Il culto a Gesù Bambino giunse ad Arenzano nel 1900, accompagnato da grazie e miracoli. L’afflusso crescente dei devoti motivò la costruzione del Santuario – primo nel mondo dedicato a Gesù Bambino – inaugurato nel 1908. Nel 1924 la statua veniva solennemente incoronata dal Card. Raffaele Merry del Val, inviato dal papa Pio XI, che nel 1928 insigniva il Santuario del titolo di Basilica.

Abbazia di San Girolamo (la Cervara)

images

A picco sul mare tra Santa Margherita e Portofino, l’abbazia della Cervara è oggi principalmente luogo di eventi quali convegni, concerti, feste private e matrimoni. La struttura, fondata nel 1361 da un piccolo nucleo di monaci benedettini e consistentemente restaurata nel XVI secolo, è costituita dalla chiesa di San Girolamo, con pianta a croce latina e colonne di ardesia e marmo, e da un suggestivo chiostro quadrangolare cinquecentesco, da una torre di guardia un tempo necessaria ad avvistare le navi saracene, da un meraviglioso giardino monumentale all’italiana affacciato sul mare, da un coloratissimo e profumato giardino dei semplici in cui fioriscono limoni fiorentini e mandarini cinesi. L’abbazia in quasi sette secoli di storia è stata teatro di splendore e decadenza, che si sono riflessi nelle progressive trasformazioni architettoniche del complesso.
Di particolare rilevanza è il giardino monumentale all’italiana, unico conservato in Liguria, che si estende su due livelli, raccordati con grazia da pergole e gradini. Nella parte inferiore le siepi di bosso sono una raffinata realizzazione di arte topiaria e circondano la fontana in marmo del XVII secolo raffigurante un putto. La parte superiore del giardino è caratterizzata da pilastri ottagonali ricoperti di Trachelospermum jasminoides L. che, in fioritura, diffonde un delizioso profumo di gelsomino. La Cervara fa parte della rete dei Grandi Giardini Italiani.